Encod.org
Europe


GOLD MEMBERS


RED MEMBERS


GREEN MEMBERS

CBD Products sro
GetSmokin’
Sam Vanden Auweele
BioTabs
Barney’s Farm
Petr Konecny
Cannabis Cura Sicilia
Alberto Saint Cort
NORML FRANCE
A.C.C. IPANEMA
Cannabis Social Club - Bozen
Bill Griffin
Enecta C.V.
SeedMarket.com
LA MACA
NEWSWEED
IRKA
SANTYERBASI GROWSHOPS
ZRK.SI - Cannabis regulation institute Slovenia
MEDICINAL STAR’S
ALBO SHANTI
FIELDS OF GREEN FOR ALL
CIRCULO SECTORIAL CANNABICO
ARGE CANNA
Sensi Seeds
Asociacion Cannabica 4/20
COL.CAN.CAN
Bart B
OVERGROW.IT
GROWERLINE
CANAPA INFO POINT
Manuel Fernandez
LEOLED GROW LIGHTS
Marco Moscatelli
Associazione Culturale Tuanis - Canapamundi
Andrej Kurnik
Hanfinstitut
TREE OF LIFE - AMSTERDAM CANNABIS SOCIAL CLUB
Francis Costelloe
High Supplies - Cannabis Seeds Shop
PARADISE SEEDS
Patrick Firnkes
Assonabis
Coffeeshop Pink

MEMBERSHIP / view all

 
Home > Italiano (it) > Notizie > 2008 > COLTIVAZIONE DI 79 PIANTE DI CANNABIS, ASSOLTI PERCHÉ IL FATTO NON (...)
Pubblicato il 22 ottobre 2008  di encod

COLTIVAZIONE DI 79 PIANTE DI CANNABIS, ASSOLTI PERCHÉ IL FATTO NON COSTITUISCE REATO

Gli imputati fanno parte di una comunità di lavoro e condivisione ispirata agli ideali degli indiani d’America.

Antiproibizionisti.it

ROMA, 15 ottobre 2008



Tutte le versioni di questo articolo: [italiano]





Il GUP di Grosseto Pietro Molino ha assolto sei membri di una comunità ispirata allo stile di vita degli indiani d’America dall’accusa di coltivazione illecita di 79 piante di cannabis perché il fatto non costituisce reato.

Le motivazioni della sentenza verranno rese note solo fra 90 giorni, ma, verosimilmente, il giudice ha accolto la tesi sostenuta dalla difesa, rappresentata dall’avvocato Carlo Alberto Zaina, tendente a sottolineare i caratteri peculiari della vicenda, quali il contesto comunitario e la sua particolare autonomia e organizzazione.

La linea sostenuta dall’avvocato Zaina ha infatti posto in evidenza il fatto che gli imputati sono persone che da anni hanno fondato una comunità di lavoro e condivisione ispirata agli ideali degli indiani d’America, allo stile di vita dei quali si sono sempre conformati, mettendo in piedi un’attività lavorativa artigianale che va dalla produzione di vetri molati, porte artistiche e infissi, ad altri settori di artigianato di qualità.

Il consumo di marijuana da parte del gruppo non comporta, quindi, attività esterne alla comunità e la sua coltivazione è inclusa nelle attività comunitarie proprio per utilizzare direttamente ed esclusivamente il prodotto germinato a fini personali, non intendendo acquistare sostanze stupefacenti del genere di quella coltivata presso le centrali dello spaccio. Condizione, questa, confermata dal fatto che i sei siano significativamente del tutto incensurati e sconosciuti alle forze dell’ordine nonostante fumino marijuana da decine di anni.

In base alla sentenza, in attesa di conoscerne le motivazioni, sembra pertanto possibile affermare che, pur non essendo riconosciuto un diritto ad assumere sostanze stupefacenti, esista un diritto del singolo a non essere punito laddove l’uso sia strettamente personale, facendo rientrare nella sfera dell’uso personale anche la coltivazione qualora si riscontri che il fine unico della coltivazione è rappresentato dall’assunzione e, al contempo, che l’attività di coltivazione sia posta in essere dalla stessa persona che consumerà quanto coltivato. Non va poi sottovalutato il profilo socio-culturale e la circostanza che l’adesione alla fede dei pellirosse legittimi l’uso delle cosiddette "droghe leggere".

In questo contesto l’attività di coltivazione, che le SS.UU. della Suprema Corte di Cassazione recentemente avevano stigmatizzato e individuato come condotta non riconducibile al contesto dell’uso personale, dovrà ora essere riconsiderata approfonditamente anche sul piano normativo, prima ancora che giurispsrudenziale.





Share |



Rispondere all’articolo

3 Messaggi
  • Finalmente ogni tanto si sentono notizie che fanno sperare che c’è ancora una piccola speranza, che la democrazia esista anche per qui vuole solo il diritto di vivere la propria vita in base alle proprie scelte, senza con questo voler togliere il rispetto e senza voler fare danno a nessuno anzi forse riuscendo a portare un po di gioia e serenità alla propria vita e di chi li circonda in questi giorni cupi che ci avvolgono.

    repondre message

    • Cari amici, siamo i soggetti a cui l’articolo si riferisce e purtroppo anche i protagonisti dell’episodio: http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/in-edicola/numero/20091122/pagina/16/pezzo/265366/ Il precedente per coltivazione (8 persone 79 piante) ha dato modo a due carabinieri in servizio di sicurezza stradale di venire nella nostra abitazione e causarci quello che potete leggere nell’articolo. Fermiamo Giovanardi-Torquemada ...per favore! Se possiamo essere utili alla causa, siamo a vostra disposizione. Giancarlo e Marisa Cecconi

      repondre message

      • Collaborazione 26 gennaio 2012 22:28, di Dario
        Salve, sarei interessato a conoscervi e conoscere la vostra comunità di lavoro in quanto sono un artigiano/artista della provincia di Grosseto e condivido il credo dei nativi americani. Potrete contattarmi a questa mail: dmcevolutions at gmail.com A Presto Dario

        repondre message


The European Coalition for Just and Effective Drug Policies, is a pan-European network of currently 160 NGO’s and individual experts involved in the drug issue on a daily base. We are the European section of an International Coalition, which consists of more than 400 NGOs from around the world that have adhered to a Manifesto for Just and Effective Drug Policies (established in 1998). Among our members are organisations of cannabis and other drug users, of health workers, researchers, grassroot activists as well as companies.


E-mail Secretariat: office (at) encod.org Privacy: Updated August 2017
© Encod.org 2014 :: Design by: Navetrece.com