Encod.org
Europe


GOLD MEMBERS


RED MEMBERS


GREEN MEMBERS

Bill Griffin
Enecta C.V.
Cannabis Club Romania
SeedMarket.com
LA MACA
NEWSWEED
DINAFEM
IRKA
SANTYERBASI GROWSHOPS
ZRK.SI - Cannabis regulation institute Slovenia
MEDICINAL STAR’S
ALBO SHANTI
FIELDS OF GREEN FOR ALL
CIRCULO SECTORIAL CANNABICO
ARGE CANNA
Sensi Seeds
Asociacion Cannabica 4/20
COL.CAN.CAN
Bart B
OVERGROW.IT
GROWERLINE
CANAPA INFO POINT
Manuel Fernandez
LEOLED GROW LIGHTS
Marco Moscatelli
Associazione Culturale Tuanis - Canapamundi
Andrej Kurnik
Hanfinstitut
TREE OF LIFE - AMSTERDAM CANNABIS SOCIAL CLUB
Francis Costelloe
High Supplies - Cannabis Seeds Shop
PARADISE SEEDS
Patrick Firnkes
Assonabis
Coffeeshop Pink
Asociación Hempower
Tricomaria.com
FAC
DOUG FINE
Bushdoctor
Marco Bruni
The Stoned Society
Ehkeef
Richard Rainsford

MEMBERSHIP / view all

 
Home > Italiano (it) > Stampa > L’UNIONE EUROPEA SULLA STRADA PER LA LEGALIZZAZIONE
Pubblicato il 24 febbraio 2010  di encod

L’UNIONE EUROPEA SULLA STRADA PER LA LEGALIZZAZIONE

"LA REPRESSIONE NON FUNZIONA"

(Carel Edwards, direttore della Unità di Coordinamento sulle Droghe della Commissione Europea, il più importante funzionario dell’Unione Europea in riferimento alle politiche sulle droghe)

Bruxelles, 23 Febbraio 2010



Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano] [Nederlands] [Deutsch] [slovenčina] [français]





Carel Edwards

Le attuali politiche sulle droghe nella Unione Europea hanno fatto più danno che bene. Questa è la conclusione di una audizione pubblica sulla politica delle droghe della UE che si è svolta nel Parlamento europeo a Bruxelles martedì 23 Febbraio.

Carel Edwards, direttore della Unità di Coordinamento sulle Droghe della Commissione Europea ha affermato nel corso dell’audizone che “noi sappiamo che la repressione non funziona. L’Europa si sta lentamente avviando per politiche più liberali sulle droghe."

Lo scopo dell’audizione nel Parlamento Europeo era di discutere il cosiddetto rapporto Reuter Trautmann, che conclude sostenendo come la strategia antidroga dei paesi della UE sia fallita in molti modi.

Il rapporto Reuter Trautmann è il risultato di una ricerca sull’impatto delle politiche delle droghe sul mercato globale della droga negli ultimi dieci anni. E’ stato elaborato dal think tank statunitensesesese RAND Corporation e dall’ olandese Trimbos Institute, su richiesta della Commissione Europea.

Secondo il rapporto non vi è stato alcun impatto significativo sulla offerta e domanda di droghe illegali tra il 1998 e il 2007. Al contrario,il prezzo per le politiche repressive è stato un mercato illegale incontrollato, criminalità legata alle droghe e la diffusione di malattie come hiv/ aids. La spesa pubblica per le politiche sulle droghe nella UE è stimata esser 40 bilioni di euro per anno o di 80 euro per cittadino della UE.

La Commissione Europea è stata critica dalla piattaforma di ONG Coalizione europea per Politiche Giuste ed Efficaci sulle Droghe (Encod) che aveva organizzato l’audizione con l’europarlamentare greco Michail Tremopoulos.

– " Le organizzazioni della società civile hanno avvisato per anni le autorità della UE che le politiche sulle droghe erano inefficaci e controproducenti, ma le autorità nazionali e della UE hanno ignorato questi messaggi” ha affermato Joep Oomen di Encod. "Le autorità locali e i cittadini coinvolti hanno un approccio pragmatico e che pensa in avanti rispetto alle droghe. L’Europa dovrebbe beneficiare da queste esperienze."

A maggioranza dei 40 delegati presenti all’audizione hanno espresso un appoggio ad una politica sulle droghe basata sull’accentazione nella UE, includendo una cornice legale per la produzione, distribuzione e consumo di droghe.

Con l’eccezione di 5 persone, tutti i partecipanti hanno accettato la conclusione finale secondo la quale le politiche restrittive sulle droghe hanno fatto più danni che bene. “Per continuare queste politiche sarebbe una forma di negligenza criminale. L’Unione Europea ha la conoscenza che la proibizione non funziona. Ora essa dovrebbe agire a partire da tale conoscenza”, afferma Joep Oomen.

L’audizione ha prodotto varie raccomandazioni alle istituzioni della UE. Tra le altre, richieda l’organizzazione di un summit della Unione Europea per discutere strategie innovative sulle droghe non basate sulla proibizione, con delegazioni di autorità nazionali e locali, parlamentari ed organizzazioni della società civile. Essa pure richiede alla UE di rafforzare l’approccio della ’riduzione del danno’ , per permettere ai cittadini di coltivare la cannabis per il loro uso personale e in generare per promuovere delle politiche sulle droghe che rispettino i diritti umani, le libertà individuali e la coesione sociale.

Le conclusioni dell’audizione saranno presentate all’incontro della Commissione delle Nazioni Unite sulle Droghe (CND) a Vienna dal’ 8 al 12 Marzo.





Share |



Rispondere all’articolo


The European Coalition for Just and Effective Drug Policies, is a pan-European network of currently 150 NGO’s and individual experts involved in the drug issue on a daily base. We are the European section of an International Coalition, which consists of more than 400 NGOs from around the world that have adhered to a Manifesto for Just and Effective Drug Policies (established in 1998). Among our members are organisations of cannabis and other drug users, of health workers, researchers, grassroot activists as well as companies.


Secretariat: Haantjeslei 213 | 2018 Antwerpen | Belgium | Tel: +32 (0)495 122 644 | E-mail: office@encod.org
© Encod.org 2014 :: Design by: Navetrece.com